Comunicato: raccolta firme contro il Progetto Eleonora

Il comitato civico “No al Progetto Eleonora” ha chiuso la raccolta firme con la quale i cittadini locali hanno espresso parere negativo al progetto di trivellazione della Sargas. Sono state prontamentespedite in cartaceo alla Commissione Ambiente CEE, Ministero Ambiente, Regione Sardegna SAVI, Provincia di Oristano.

Sono state raccolte 700 sottoscrizioni in poco più di tre giorni, e non si esclude di incoraggiare una nuova petizione in occasione delle prossime iniziative in calendario, di cui si darà notizia a breve.

Moltissimi cittadini, infatti, hanno saputo della raccolta firme solo alla scadenza dei termini e chiedono al comitato di potere aderire. Non sarebbe stato difficile raccogliere un migliaio di firme avendo qualche giorno in più, ma i tempi per la chiusura dell’iter di autorizzazione della pratica Sargas in Regione sono ormai stretti e non c’è stata alternativa ad affrettare la scadenza della petizione popolare.

La situazione ora è chiarissima: 700 cittadini esprimono parere negativo alla trivellazione, sono state inoltrate oltre 180 lettere di osservazione all’ufficio SAVI presso l’Assessorato regionale Ambiente, tra queste si evidenzia la posizione contraria della Cooperativa 3A, della Cooperativa Produttori, del Banco di Credito Cooperativo di Arborea, di professionisti e docenti universitari di diverse parti del mondo, dal Regno Unito alla California.

Ma non è tutto: proprio stamattina – 27 marzo – è giunta ai consiglieri comunali di minoranza “obiettivo comune” una comunicazione ufficiale del Ministero dell’Ambiente, che richiama l’Assessorato regionale e il Comune di Arborea a voler fornire informazioni “in merito alle possibili incidenze negative sullo stagno S’Ena Arrubia SIC-ZPS e zone limitrofe.

La vera novità è che si tratta della seconda sollecitazione formale del Ministero, che segue la precedente datata 23 dicembre 2011. Già in quell’occasione, Roma aveva chiesto rassicurazioni alla Regione Sardegna, unitamente all’amministrazione comunale, e oggi ribadisce che “Tali richieste di informazioni risultano tutt’ora non riscontrate da codeste Amministrazioni.”

Inoltre, come già evidenziato nella prima nota di dicembre, il Ministero scrive che “in relazione ad eventuali alterazioni dello stato di conservazione del sito Stagno di SEna Arrubia, ipotizzabili come derivate dalla compromissione della falda freatica durante le attività di trivellazione, si sottolinea l’importanza di condurre un approfondito studio da parte della Società proponente di tutte le possibili interferenze indirette nei confronti dei siti Natura 2000 presenti”

Preso atto che il Sindaco e la Giunta comunale di Arborea sono rimasti ormai gli unici a non avere espresso un solo documento a tutela dei possibili rischi derivanti dal pozzo esplorativo, alla luce degli ultimi sviluppi il comitato civico ritiene esistano motivi più che fondati perchè il progetto Sargas sia sottoposto a Valutazione di Impatto Ambientale. Non procedere in tal senso, a questo punto, sarebbe semplicemente inspiegabile.

Comitato Civico “No al Progetto Eleonora”Arborea, 27.03.2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...